Ho già avuto modo di raccontarvi qualcosa di quella meravigliosa esperienza che è stata l’Olimpiade. Chi ne ha giocate diverse vi dirà sicuramente che ognuna ha avuto il suo fascino ed ogni volta è come se fosse stata la prima. Sembrano frasi fatte e scontate, ma vi assicuro che quello che si prova partecipandovi è unico, sia per quello che c’è in palio, sia per quello che rappresentano.

In una delle prime occasioni in cui ho scritto per questa pagina di malati di basket, ho svelato cosa è successo alla fine della manifestazione, quando abbiamo festeggiato la medaglia. Ora voglio spiegarvi una parte della vita del villaggio olimpico che mi è rimasta nel cuore: la mensa.

Passeggiando per il villaggio sembrava di stare su un “red carpet” a cielo aperto, potevi incontrare in qualsiasi momento campioni che fino al giorno prima avevi visto solo in tv o sui giornali, salivi sull’autobus che ti portava alle varie destinazioni e stavi fianco a fianco a Ian Thorpe o a quel minchione di Samuele Papi o a quel personaggio di Yuri Chechi… Mi sarebbe bastato solo questo per essere l’uomo più felice del mondo e per avere una storia da condividere con gli amici.

Io dormo così tutte le sere

Io dormo così tutte le sere

Potevi incontrare gli atleti mentre portavi i tuoi vestiti in lavanderia, che offriva il servizio self service. Però, a dire il vero, non ho mai visto nessuno di veramente famoso. Forse solo noi comuni sfigati andavamo di persona, mentre i “grandi” avevano qualcuno che lo faceva per loro.

Sotto ogni palazzina c’era il distributore automatico di bevande gratuite (tra gli sponsor ufficiali c’è sempre Coca-Cola), era sufficiente inserire la chiavetta e ti portavi in appartamento tutto quello che volevi. Secondo voi, da italiani medi quali eravamo, cosa succedeva? Contenitore termico riempito di acqua e ghiaccio, razzia di bevande da mettere in fresca e nemmeno il minimo sentore di vergogna se qualcuno ti vedeva.

Ma quello che mi ha dato più gioia e mi ha suggestionato più di tutto, è stato vivere la mensa e vi spiego subito il perché.

mensa

L’ho sempre considerata una grande livellatrice, in un ambiente dove le differenze gerarchiche e di successo erano evidenti. Potevi essere Roger Federer, ma se dovevi pranzare, ti mettevi in fila, magari dietro Matteo Soragna, con il tuo bel vassoio in mano, aspettando il tuo turno prima di ordinare ed essere servito.

Federer-in-Brazil

Era così per tutti. Oddio, quasi tutti, perché (come forse vi ho già detto) quei minchioni del Dream Team non alloggiavano al villaggio olimpico, ma su una nave al porto del Pireo. Per questioni di sicurezza. Cioè, fatemi capire, tutto il mondo sportivo sta insieme, viene controllato anche se deve andare al cesso, quando entra al villaggio deve passare per due metal detector e voi vi fate i problemi della sicurezza… Ma andate a cagare, dai!

La mensa era aperta 24h su 24, perché ogni disciplina aveva i suoi orari ed ognuno doveva e poteva essere libero di mangiare o fare merenda in qualsiasi momento della giornata. C’era una grande varietà di cibo, visto che dovevano essere soddisfatte le esigenze e rispettate le tradizioni di diversi popoli e un profumo/odore veramente penetrante (le spezie colpivano alla grande). Dopo Sindey 2000, il Baso mi aveva già raccontato storie sulla sopportazione di quegli odori ed in effetti era tutto vero. Dopo circa una decina di giorni ho cominciato ad avere i primi cedimenti. Non ho mai avuto problemi particolari con il cibo, mi piace praticamente tutto e apprezzo i profumi della cucina, ma in questo caso, sentire a tutte le ore del giorno lo stesso odore, decisamente speziato, tende a crearti una sorta di fastidio.

Diciamo che naturalmente, per soddisfare migliaia di atleti, non ti potevi aspettare Vissani o Cracco, ma arrivato ad un certo punto non riuscivo più a mangiare i secondi che c’erano a disposizione. Se per i primi ci si poteva ogni tanto rifugiare in qualche pizza o riso basmati (rigorosamente in bianco) per i secondi non c’era più speranza, se non fosse che è arrivato in soccorso chi non ti saresti mai aspettato: il re del junk food. Mc Donald’s!

Per gli ultimi dieci giorni, il primo lo andavo a prendere ai banconi della mensa, per il secondo mi sono affidato sempre e solo all’insalata con pollo grigliato.

Se me lo proponessero adesso, manderei tutti a fare in culo, ma al momento era realmente l’unica soluzione possibile…

Il momento più caratteristico, o forse il più trash, era quando dalle casse all’interno della mensa partiva il “sirtaki”, la musica e danza tradizionale greca, che di tradizionale ha ben poco visto che è stata creata per il film “Zorba il greco”, ma che ormai è di largo uso, soprattutto nei locali e ristoranti in stile greco di tutto il mondo. Se non l’avete mai sentita, è un motivetto che si continua a ripetere e che va sempre in crescendo di ritmo. Partiva ogni oretta e i primi giorni, vista la novità non era raro vedere atleti che si alzavano, alcuni addirittura sui tavoli, e iniziavano a ballare. Dapprima tra atleti della stessa nazione, poi, aiutati dal fatto che ci si sedesse dove c’era posto e quindi di fianco a chiunque, tra atleti di diversi paesi. Anche se può sembrare retorico, in quel ballo misto era racchiuso tutto lo spirito olimpico e sportivo.

La mensa è stata teatro di una scena che ancora oggi mi fa ridere. Era la giornata in cui potevi far entrare al villaggio alcuni ospiti, io feci venire mia moglie e una coppia di amici. Erano emozionatissimi e avrebbero voluto far foto e chiedere autografi a tutti. Al momento del pranzo ci rendiamo conto che c’è Yao Ming… non poteva fare un passo che chiunque si fiondava per ottenere una foto ricordo. L’amica Barbara vuole una foto, però si imbarazza un pochino. Trova il coraggio e corre verso di lui che la rimbalza, anche se in maniera cortese, perché ne ha già fatte tremila. Torna indietro un po’ sconsolata ma capendo la situazione. Fatto sta che si gira di nuovo verso Yao e il gigante è li che si sta scattando la foto con un’altra persona. Il commento della nostra non lo posso scrivere perché sarebbe decisamente spiacevole e non adatto allo spirito olimpico.

Yao è altino...

Yao è altino…

Non c’entra con la mensa, ma gli stessi miei ospiti sono stati protagonisti di un’altra meravigliosa scenetta. Era lo stesso giorno e per arrivare all’ingresso bisognava prima passare un check point che distava circa dieci minuti di bus. Alla fermata, il trio delle meraviglie ha chiesto ad un ragazzo che aspettava con loro se fosse il bus giusto per raggiungere il villaggio olimpico. Molto gentilmente il giovane gli ha confermato che era la fermata giusta e quando il mezzo è arrivato sono saliti tutti. Dopo qualche minuto, uno di loro si accorge che quel ragazzo ha una faccia conosciuta e si rende conto che hanno chiesto un’informazione (del cazzo) a Maurice Green!!! Sì, perché chiunque volesse entrare o uscire dal villaggio da solo, doveva farlo con il bus di servizio e lui non era esente da quella procedura. Ne hanno approfittato per farsi le foto di rito (Green gentilissimo e disponibilissimo) solo che, mia moglie e la nostra amica hanno una foto riuscita, il marito di lei ha come ricordo una foto del suo braccio accanto al campione dei cento metri piani. Le bestemmie.

green

Tornando alla nostra amata mensa, il sentimento che spesso provavo quando entravo era di una sana e sportiva invidia. Questo perché ogni giorno venivano assegnate delle medaglie e il rituale di premiazione prevedeva la consegna di un bouquet e l’incoronazione con  l’alloro e quella stessa corona veniva indossata dai vincitori al rientro al villaggio ed anche quando andavano a mangiare. Io li vedevo e pensavo: ”Ammazza che figata!!”. Erano dei medagliati olimpici, avevano raggiunto quello per cui si erano allenati con tanta dedizione e ora, giustamente, lo mostravano a tutti e se lo godevano con grande orgoglio.

Qualche giorno più tardi è successo pure a noi, però ad essere sincero non mi ricordo se ho indossato la corona anche per andare a mangiare, quello che mi ricordo è la mezza figura da coglione che ho fatto quando abbiamo avuto la certezza di portare a casa una medaglia.

Dopo la memorabile cavalcata contro la Lituania, siamo tornati a cenare al villaggio, era molto tardi e pensandoci ora è stato un bene così in mensa non c’era troppa gente. Sono entrato con Romba (c’è di mezzo sempre lui) ed ho iniziato a cantare ad altissima voce accompagnando la canzone che passavano dalle casse. Lo stato di euforia non mi ha fatto notare che gli altri atleti mi guardavano come per dire: “Ma chi è sto idiota?”. Ma anche se me lo avessero chiesto di persona, gli avrei risposto una sola cosa: “Un idiota felice”.

 

Pace, Amore e Felicità.

 

Matteo Soragna